La Provincia di Sondrio è un affascinante mix di diversi stili ed epoche. E ‘noto come un luogo dove l’uomo ha dimostrato la sua ingenuità da terrazzamenti le aspre terre che ospitano i suoi rinomati vigneti.

Racchiuso nel cuore degli Alpini, la provincia occupa la parte più settentrionale della Regione Lombardia. Situata in apertura della Valmalenco, Sondrio si trova nel centro della Valtellina. Tipici sono i vigneti tentacolare sulle pendici sotto le Alpi Retiche. Per secoli, pendici settentrionali della valle sono stati cancellati dei boschi e rocce a terrazza e coltivare queste piante (sia un bene economico e culturale della Valtellina). Si tratta di una straordinaria testimonianza capacità dell’uomo di trasformare la natura del terreno e, nonostante le condizioni locali e climatiche sfavorevoli.

Sondrio è piena di tesori artistici. Il centro della città comprende Piazza Garibaldi, con i suoi eleganti edifici neoclassici, e il Cinema-Teatro Pedretti, costruita nel 1820 su disegno dell’architetto Canonica.
Strade strette conducono dal nuovo al centro storico della città, elaborato nei suoi stili di diverse epoche – rinascimentale, barocca, neoclassica, moderna e contemporanea. Anche da qui, possiamo vedere il medievale Castello Masegra, con un panorama di vigneti.
Numerosi castelli e torri si levano in piedi in luoghi suggestivi di grande importanza strategica. Vedi de li beli miri Torre a Teglio, Castel Grumello a nord di Sondia, Bellaguarda a Tovo di Sant’Agata o castelli in Grosio, per citarne solo alcuni.
Santuari abbondano qui, soprattutto la Beata Vergine di Tirano, la Madonna della Sassarella in piedi su un promontorio tra i vigneti alle porte di Sondrio. Molte sono le chiese, come pure, in tutto il mondo che funge da repository spirituali abitative tesori sorprendenti, espressioni preziose rendono un interessante percorso artistico lungo la valle.

Un importante aggiunta al territorio sono le stazioni sciistiche della “Skiarea Valtellina”: Alta Valtellina, Aprica, Valmalenco e Valchiavenna. Il quartiere vanta 249 miglia di piste per lo sci alpino, e più di 124 km per lo sci nordico. Tutto questo risiede all’interno di rinomate località internazionali come Livigno, Bormio, Santa Caterina Valfurva, Valdidentro / Valdisotto, Aprica, Chiesa in Valmalenco e Caspoggio, Madesimo / Campodolcino e Valgerola, una rete a cui il comprensorio sciistico estivo del Passo dello Stelvio è stato aggiunto.
Valtellina è anche una meta estiva, e nei mesi più caldi mostra un’esplosione di colore nei suoi numerosi parchi naturali e riserve, che comprendono artisti del calibro di Parco Nazionale dello Stelvio, il più grande parco naturale in Italia; il parco in Orobie Valtellinesi, con l’osservatorio ecologico e della fauna selvatica alpina a Aprica; e la Riserva Naturale della Val di Mello, un’oasi ideale per gli amanti della natura.